L'EVOLUZIONE
1997

1 In questi settant'anni ch'io ricordo
Da ch'io facea la scuola elementare
L'evoluzion sorgeva a bordo a bordo.
Nel '39 andai a far militare; 
credeo d'essere selvaggio come un tordo,
nelle città giammai potuto andare.
All'aeroporto di Cameri a Torino
Corso di dattilografo: benino.

2 Poi ancora all'aeroporto di Malpensa;
mi scambiarono poi con un trentino
il posto a Roma(un caro zio ci pensa, 
fortuna che abitava lì vicino).
Al Ministero Aeronautica, in dispensa;
e Roma visitai non un pochino.
Studiar potetti con corso serale,
fino alla terza media in Capitale.

3 Il tempo mi passava non c'è male;
pensai passare nella Polizia,
per far carriera un posto quanto vale 
per potere sposar Ninetta mia:
domanda e documenti al rituale;
L'inizio con un corso e tuttavia
Agente di P.S. incorporato,
in divisa a Milano poi mandato.

4 Poi nel '43 bene arrivato;
la guerra proseguia in bombardamenti.
Il popolo italiano, spaventato,
in tutte le citta facea lamenti.
Anche il palazzo mio fu bombardato:
in una scuola andammo noi genti.
Poi l'armistizio, poi lo sbandamento:
Ognuno a casa sua tornò contento.

5 Anch'io rischiai di esser deportato
(miracolo mi fe' Madonna mia)
Come in altre operette ho raccontato
del treno a Reggio Emilia in poesia.
Il venti agosto alfin mi fui sposato;
venuto a Colfiorito in compagnia.
Comizi politici per libere elezioni,
per stare in pace ed uguagliar pensioni.

6 Dieci partiti a far tante promesse,
tutte rimaste a zero, io direi;
Democrazia Cristiana il più che resse;
Repubblica fatta nel quarantasei;
a lavorare il popolo si messe:
anch'io con un trattor quanto potei;
poi rilevai quell'albergo vecchio;
lottai per farne un nuovo, anche parecchio.

7 Da quei Vitali che a Colfiorito
eran padroni dei meglio terreni,
del mulino e del lago, in ogni sito
vendevano, di debiti assai pieni, 
comprai, da posizione favorito
per far l'albergo negli anni sereni:
Dal sessanta al settanta il LIETA SOSTA
In tre riprese proprio fatto apposta.

8 Favorevoli quelle casermette
Per sviluppo turistico e lavoro.
L'alternanza di quei con le stellette:
Artiglieria e Fanteria in bel decoro;
poligono di tiro sulle vette
del Pennino e l'Acuto, fu un tesoro;
agli abitanti pagavano i danni
per sgombero al lavoro parecchi anni.

9 Facea l'Artiglieria tre postazioni:
su Barre, Forcatura e sotto il Colle;
il giorno che facea esercitazioni
scattavan gli Annifani come molle
a prender per lo sgombero dei buoni, 
come il regolamento sempre volle,
per uomini, donne, vacche e trattori,
pronti al mattino scappavano fuori.

10 Con ufficiali aveano confidenza,
facean pazialità: chi più chi meno.
Era gradita assai la lor presenza:
rendeva dieci volte il lor terreno.
Poi notavano qualche differenza,
qualche ingiustizia che mise il veleno
tra di lor che, stanchi, un bel mattino
occuparono tutto l'appennino.

11 L'offesa gli era nata il giorno avanti:
da fare in pomeriggio un funerale
di donna anziana con parenti tanti;
la riportavan su dall'ospedale 
nell'ora dei soldati esercitanti;
bloccata fu da qualche caporale,
che dissero d'accordo gli annifani:
"Non più cannoni su questi altipiani!".

12 Così l'occupazion della montagna
di giorno e notte uomini ed attrezzi;
invano il colonnello che si lagna 
chiamando i superiori ed altri mezzi,
l'autorità' dell'Umbria in tal campagna.
Cessar decise benché bene avvezzi:
"Vogliamo nostra libertà e lavoro",
ripetevano quelli tutti in coro.

13 Questo avveniva a fine dei settanta;
mutò la vita su questi paesi.
La gioventù di Annifo più non vanta
D'aver con facoltà quattrini presi.
Voglia di lavorar ce ne hanno tanta;
sono andati in città, si son difesi.
A Mont' Romano andò l'Artiglieria,
in altri monti andò la Fanteria.

14 Poi nel sessantasei un beneficio
in Colfiorito e tutta la montagna:
nacque la società del Caseificio
da bravi allevatori di campagna;
Dante veterinario nel suo ufficio
Chiamò i miglior; in breve, senza lagna,
con legge novantuno forestale,
organizzò il Caseificio Sociale.

15 Veterinario Innocenzi Dante
conosceva ben tutti i suoi clienti;
dapprima fece opera invogliante:
mucche da latte tutti i conferenti.
In Colfiorito è la zona importante:
"Vedete Checco, è primo tra esercenti".
Conti Antonio, Amos, Isidoro,
Osvaldo, Franco elencò tra loro.

16 D'Annifo questi, poi da Forcatura:
Forti Augusto, Enzo e Merli Alfiero,
Prosperi Franco, Angelo a misura
Santoni Angelo a Fraia macellero;
Ambrogi Gino, svelti di natura,
la quota associativa tutti diero:
duecent'cinquantamila lire in coro,
ognuno col diritto di lavoro.

17 Dopo qualche anno altri caseifici,
a Scopoli, Annifo, Muccia e Colfiorito.
L'emulazione sveglia buoni auspici
d'iniziativa privata in questo sito.
Come fu per gli alberghi e panifici;
con ciò ché fu il paese ripulito.
Migliorò per turismo, più vitale
Sviluppo in ogni ramo commerciale.

18 Pure la Sagra della Patata Rossa, 
nel millenovecentosettantotto;
i Giovani si diedero una mossa
presso la chiesa di Plestia tutto un botto.
Tutti d'accordo, come una riscossa,
venne la strada un commercial salotto
d'agricoltori; lenticchie e patate
lungo la strada parecchie piazzate.

19 Il comitato di organizzazione
prese in affitto quell'accampamento
due anni, poi la fissa posizione 
prese nell'Area Verde ch'e' un portento.
Fece la pista e nuova costruzione
Per quel che serve e per ogni momento.
Sol per pista trenta milioni spese,
ma è la soddisfazione del paese.

20 Questo secolo, dunque, novecento
ci ha portato tante innovazioni:
città ove fu bombardamento
rinnovate con belle costruzioni;
obbligatorio assai ferro e cemento
per ogni usa nonché abitazioni.
Innovati per terra, mare aria i trasporti,
costruiti nuovi porti ed aeroporti.

21 Satelliti artificiali poi creati
dagli scienziati russi e americani,
per esplorare il cosmo e più studiati
partecipi ci sono anche italiani.
Negli anni sessanta i Russi avanzati: 
lo Sputnik e gli studi a voli umani;
approdar sulla luna al sessantanove
gli Americani con Von Brown le prove.

22 studiata la via e l'itinerario
per esplorare ormai tanti paneti,
studiare Marte nessuno è contrario,
ma sempre più il pianeta dei poeti
e degli innamorati l'estuario;
esiste acqua gelata e zitti e queti,
per istudiare tutto a precisione, 
quindi fa parte dell'evoluzione.

23 Cent'anni fa in America occoreva 
un mese di viaggio e ci si andava;
oggi nel cosmo, e sempre meno aggreva, 
per mezzi speciali di cui si sognava
da tanto che Von Brown ce lo diceva
con sempre più istruita gente e brava.
Tanti ettari di luna hanno comprato
Certi signori di felice stato.

24 Io con famiglia ho fatto in Colforito,
in quarant'anni, l'albergo completo;
quando credevo il lavoro finito,
per turismo e commercio anche discreto,
i figli sistemati ognuno al sito,
tutto affilato come l'alfabeto,
per la famiglia palazzina rosa;
credevo d'aver fatto qualche cosa.

25 Spesso l'insidia sta dietro le porte.
Ma questa volta vien da sotto terra:
scosse sismiche fatte tanto forte:
per tutti è stato peggio di una guerra
se ci siamo salvati dalla morte;
Per volere di Dio che mai non erra.
L'albergo tutto rotto da buttare,
la casa rosa si può riparare.

26 Il ventisei settembre l'apocalisse!
Su provincia di Perugia e Macerata,
che nessuno scienziato lo predisse.
Le forze di soccorso in mattinata
Corsero tosto e Croce Rossa scrisse 
con duemila sacchi esser preparata;
ma solo due morti su a Collecurti;
migliaia di paesi son distrutti.

27 La gente dentro le auto prima notte
e l'esercito venne con le tende.
Si occuparono tutte le roulotte:
succede chi le dona chi le prende.
La Protezion Civile in poche botte
Coi containers acqueta tanta gente.
I sindaci hanno lavorato tanto
Per alleviar tribolazione e pianto.

28 L'Istituto Geofisica sul Colle
a registrar le scosse terremoto.
E tante settimane tremar volle
Per durar tutto l'anno a tutti è noto.
Chi più chi men le case tutte crolle
"Sarà l'Apocalisse a tutti è noto".
Il tre gennaio il Papa a confortare.
Venne in questi paesi a visitare.

29 In Colfiorito è nato un comitato: 
Associazion per la Ricostruzione.
Per buona volontade è destinato 
A confortare la popolazione.
Il tre aprile un gruppo si è associato
In Cooperativa Agricola, persone
Circa cento di bravi contadini.
Con presidente Domenico Lini.

30 L'Apocalisse non si è più interrotto
da quel settembre del novantasette
in questi primi mesi novantotto.
L'Unione Europea ben ci si mette:
le quindici nazioni in un salotto
per la moneta unica son strette.
Il Giubileo si aspetta tutto il mondo,
indetto da Gian Paolo Secondo.

Tutti gli eventi come ogni questione
fan tutti parte dell'EVOLUZIONE.

Cav. Francesco Santoni

Colfiorito 15-05-98

^Top <-Indietro